Logo Livio Felluga Torna alla Home page
X Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Accetto
> home
Iscriviti alla Mailing List di Livio Felluga
TERRE ALTE: IL MIGLIOR UVAGGIO BIANCO D'ITALIA
Livio Felluga Terre Alte as one of The white icons of our times.
GUIDE VINI 2015: MASSIMI RICONOSCIMENTI AI VINI LIVIO FELLUGA
Prestigiosi riconoscimenti ai vini Livio Felluga dalle Guide italiane di settore.
I cento anni di Livio Felluga - Evento Slow Food FVG
Venerd 28 novembre a Pordenone
Livio Felluga e Vigne Museum al convegno D/A/C "Common Aims"
Sabato 22 novembre a Pescara
CANTINE APERTE A SAN MARTINO 2014
Sabato 15 e domenica 16 novembre presso l'Abbazia di Rosazzo
Vai alla pagina: [1] << 1.5 2.5 3.5 4.5 5.5 6.5 7.5 8.5 9.5 10.5 11.5 12.5 13.5 14.5 >> [26]

Livio Felluga

Novità

ABBAZIA DI ROSAZZO 2009: UNA PAZZIA CHE MERITA DI ESSERE FATTA...

Un campione di equilibrio

"... Cambiamo regione – ci spostiamo nel Nord-Est – e tipologia, dal rosso al bianco. Quello contenuto nella bottiglia del Rosazzo Bianco 2009, etichettato Abbazia di Rosazzo, per indicare con precisione il luogo di produzione, ovvero le colline friulane “orientali” intorno a Manzano, su una delle quali sorge l’imponente complesso religioso in stile Romanico la cui costruzione iniziò nel IX secolo.

Il produttore di questo Colli Orientali del Friuli è un’altra grande firma dell’enologia italiana, Livio Felluga, che qui, negli anni Cinquanta del secolo scorso, iniziò a mettere insieme i primi ettari del suo patrimonio viticolo. In un posto dove il vino di pregio s’era sempre fatto. “Qui perfettissimi vini”, scriveva Marin Sanudo, storico veneziano, nel 1483.

L’azienda Livio Felluga si è andata via via ingrandendo, oggi ha oltre 135 ettari di filari, e questo bianco 2009 dedicato alla affascinante Abbazia è la somma delle uve che meglio rappresentano il territorio. Il vino, che può essere considerato la massima espressione dell’equilibrio, è fatto con malvasia, pinot bianco, sauvignon, friulano e ribolla gialla. Una “scala reale” di uve i cui vini sono stati perfettamente assemblati per dare un vino capace di attrarre già al primo sguardo: giallo paglierino carico con riflessi assai brillanti dalle tonalità verdi.

Gli aromi sono stati considerati di ottima qualità, con sentori di salvia, di pera, di ananas. Sul finale aromatico anche piacevoli note di frutta secca e di miele di tiglio. In bocca ha prevalso una buona nota sapida che ha lasciato sul finale una lieve e gradevole sensazione salina. Importante la nota alcolica iniziale, subito ben bilanciata dall’acidità. Sul finale ha ricordato al palato la nota erbacea balsamica già avvertita dal naso.

Equilibrato, avevamo detto, tra alcol e acidità e tra aromi di varia origine che sono ritornati a farsi vivi al gusto. Eccellente con tutti i pesci, dai molluschi ai “pezzi grossi”, ma anche con verdure e carni leggere, con condimenti delicati pur se ricchi.

IL MIO VINO - Settembre 2012

 

 
LIVIO FELLUGA S.r.l, Sede sociale Via Risorgimento 1, 34071 Brazzano - Cormons (GO) - Italia
Capitale sociale Euro 100.000,00 i.v., P.IVA 00438150310, Iscrizione C.C.I.A.A. Registro Imprese di Gorizia n. 00438150310
© 2017 Copyright LIVIO FELLUGA - tutti i diritti riservati. Informativa sulla Privacy
© Copyright project Web Industry