Loading...
logo

Vini bianchi

Pinot
Grigio Curubella

Pinot Grigio Curubella
Spirito raffinato ed armonioso che riecheggia eleganti salotti mitteleuropei di inizio novecento.

Vini bianchi

Pinot Grigio Curubella

Le uve della Curubella, termine dialettale che indica un’altura dalle forme tondeggianti, hanno uno spirito raffinato ed armonioso che riecheggia eleganti salotti mitteleuropei di inizio novecento. Abbiamo deciso di valorizzarle nella prospettiva di dare voce in maniera sempre più puntuale ed approfondita al nostro territorio. È proprio una curubella a far da spartito a questa selezione massale dal grappolo particolarmente minuto e piuttosto spargolo piantata nel 1981.

A questo podio che si scorge dall’Antico Belvedere guardando verso il Vigne Museum, il terroir conferisce la capacità di esprimere un carattere forte ed identitario. Abbiamo quindi deciso di concedere un’espressione singola ed unica a un vitigno che accompagna da lungo tempo la narrazione vinicola del Friuli. La vendemmia è avvenuta il 28 agosto 2018. L’uva raccolta a mano in piccole cassette è stata diraspata e quindi lasciata in macerazione sulle bucce per due giorni.
Il vino è stato travasato in recipienti di cocciopesto da 10 e 17 ettolitri verso la fine della fermentazione alcolica, consentendo così un adeguato controllo della temperatura. La fermentazione malolattica si è svolta nell’arco di due settimane. Il mantenimento del vino sui lieviti nei recipienti di cocciopesto, ha contribuito ad esaltarne cremosità e dolcezza aromatica. L’imbottigliamento è avvenuto il 26 agosto 2019. È un Pinot Grigio doc Friuli Colli Orientali.

Collezione Quattro Cru 2021 Livio Felluga

Dettagli

Caratteristiche sensoriali

Colore:

Il colore dorato con sfumature ramate consegna nel bicchiere un oro rosa che racconta le nuance dell’uva, complice la delicata macerazione sulle bucce.

Naso:

Al naso il vino è dolce e di grande fascino. È un richiamo alla primavera quando i primi fiori di gelsomino profumano l’aria. Lentamente si schiudono sentori speziati di pepe bianco, e ancora fragranze di sambuco, maggiorana, albicocca disidratata, melone, fiori di pruno, scorza d’arancia, il tutto fuso in una spiccata mineralità.

Palato:

L’assaggio è potente, con un raffinato susseguirsi di sensazioni: la nota agrumata di clementina candita iniziale fa spazio alla sapidità che incontra l’eleganza floreale per poi giungere nel tempo della lunga persistenza ad un sorprendente richiamo di miele d’acacia e pasticceria.

Abbinamenti:

Eclettico e generoso è capace di accompagnare le sere d’estate, come aperitivo importante o abbinato a capesante scottate su crema di piselli e polvere di bacon, risotto al cavolo romanesco con filetti di triglia e burrata, tartare di gamberi rossi con datterini e maracuja, gransoporo alla veneziana. Con le stagioni fredde, può essere accostato a ravioli di rapa rossa con ricotta, risotto alla zucca con curcuma e porcini, bigoli con le sarde o passerini fritti; non disdegna peraltro l’incontro con le carni bianche, i cui elementi di dolcezza e morbidezza ne sposano la sapidità.

Scarica

In formato PDF la scheda del vino.

Vini correlati